2444

I consumatori chiedono alle aziende comunicazioni più mirate e personalizzate

Il volume di comunicazioni irrilevanti sta mettendo a dura prova la fedeltà dei consumatori europei; in particolare la maggioranza è pronta ad agire nei confronti dei brand e dei fornitori di servizi.

Uno studio chiamato "Communication Crackdown" (Un giro di vite sulle comunicazioni), condotto da Coleman Parkes Research e sponsorizzato da Ricoh Europe, rivela come i consumatori siano bombardati da comunicazioni irrilevanti ed e-mail spazzatura, al punto che il 69% ha annullato l'iscrizione ad almeno una mailing list e il 18%ha addirittura troncato ogni rapporto con il brand in questione.

Nel corso dello studio, realizzato nel gennaio 2016, sono state intervistate 2.892 persone provenienti da Regno Unito, Irlanda, Francia, Germania, Spagna, Italia, Sud Africa, Svizzera, Polonia, Russia, Belgio, Turchia, Paesi Bassi, Emirati Arabi Uniti, Svezia, Danimarca, Arabia Saudita, Norvegia, Qatar, Finlandia e Kuwait.

Articoli collegati

Retail e istruzione sotto i riflettori
Retail e istruzione sotto i riflettori

Secondo i consumatori di tutta Europa, tre quarti delle comunicazioni ufficiali inviate dai retailer e dagli istituti scolastici sono irrilevanti. La maggior parte degli intervistati (76%) ritiene che le comunicazioni inviate dal mondo retail non siano pertinenti e il 75% del campione esprime lo stesso giudizio in merito a quelle ricevute da istituti scolastici come ad esempio scuole primarie, secondarie e università. 

I consumatori sono disposti a collaborare

La maggioranza dei consumatori (64%) ritiene che i brand debbano personalizzare maggiormente le comunicazioni adattandole il più possibile ai singoli individui. La buona notizia è che i consumatori sono disposti a collaborare. L'80% degli intervistati si dice disponibile a fornire informazioni personali pur di ricevere comunicazioni mirate e rilevanti. Ad esempio, il 18% sarebbe disposto a rivelare le proprie abitudini di navigazione su Internet, un altro 18% condividerebbe dettagli sul proprio stipendio e una persona su dieci fornirebbe informazioni di carattere sanitario.